Disponibile in Condividi l'articolo

Commissario UE Corina Cretu: La politica di coesione è stata, è e deve rimanere uno dei pilastri più forti dell'Unione europea

"La politica di coesione ha creato oltre 1 milione di posti di lavoro in Europa, ovvero 1/3 di tutti i posti di lavoro creati, e questo nel mezzo della peggiore crisi economica in Europa."
  • 27 dicembre 2018 11:30,
  • Author Monika Dimitrova
Medium kolu1787
Fonte: Copyrights European Commission

Corina Cretu è responsabile della politica regionale e di coesione dell'UE - qualcosa che lei ha descritto come "un elemento essenziale che traduce la solidarietà che unisce l'Europa".

Commissario Creţu, lei è un forte sostenitore di Cohesion Alliance. La Commissione europea combatte per un futuro dell'Europa ambizioso, sostenibile e inclusivo. Potete spiegare ai cittadini europei perché è così importante che la politica di coesione continui ad essere 1/3 del prossimo bilancio UE?     

Ci sono due aspetti alla domanda. Primo, l'Alleanza per la politica di coesione: l'ho pensata per la prima volta nel 2016; In quell tempo ritenevo che la politica di coesione, essendo per sé un risultato unico e straordinario, meritasse di essere più visibile in tutta Europa. La mia idea era di portare i beneficiari dei fondi della politica di coesione sotto un'unica struttura informale e parlare a nome di quella politica. Ma per essere un vero movimento di base, non potrebbe ovviamente essere coordinato dalla Commissione. Perciò, ho chiesto al Comitato europeo delle regioni di coordinarlo e sono grata che abbiano immediatamente concordato.

Oggi questa alleanza ha raccolto circa 5.000 firmatari da ogni parte d'Europa e dalla più ampia gamma possibile di settori: città e regioni, ovviamente, ma anche rappresentanti di imprese, ospedali, università, ONG, sindacati...

Mai prima d'ora la politica di coesione ha riunito tanti sostenitori.

Questo mi porta al secondo aspetto della sua domanda: ci sono una serie di ragioni per cui la politica di coesione è stata, è e deve rimanere uno dei pilastri più forti dell'Unione europea. Tutti concordano sull'importanza della sua dimensione economica (nell'ultimo periodo, la sola politica di coesione ha creato oltre un milione di posti di lavoro in Europa, ovvero un terzo di tutti i posti di lavoro creati, e nel mezzo della peggiore crisi economica di sempre in Europa). Ma ha anche una forte dimensione sociale; Spesso dico che la politica di coesione va dove il settore privato non si avventura, e con questo intend che finanziamo progetti in aree più povere di regioni o città talvolta ricche, non solo per ragioni economiche ma per ridurre le fratture sociali, per migliorare la qualità della vita delle persone. Infine, grazie alle queste due dimensioni sopra menzionate, e perché è così visibile, la politica di coesione ha una straordinaria dimensione politica: mostra l'Europa al suo meglio, l'Europa al lavoro nelle tue strade, nella tua città.                  

Per tutti questi motivi, la politica di coesione merita forti risorse finanziarie.

Come può garantire che saranno usati in modo efficace?

Questa è una domanda molto ragionevole e molto giustificata. In effetti, il dibattito non riguarda solo quanti soldi di investire, ma anche come investirli con saggezza ed efficacia. Permettetemi di iniziare scartando i miti: con un tasso di errore del 4%, è un tasso privo di errori del 96%, la politica di coesione può essere orgogliosa del suo record. In secondo luogo, l'attuale periodo finanziario ha introdotto il concetto di pre-condizioni da soddisfare prima dell'autorizzazione a lanciare progetti cofinanziati; le pre-condizioni includono la necessità di dimostrare che qualsiasi progetto è davvero necessario, farà una differenza positiva, migliorerà la vita delle comunità. Infine, la Corte dei conti svolge il suo lavoro: valuta costantemente, al di là dei nostri stessi meccanismi di controllo e valutazione, non solo su come i nostri fondi sono stati utilizzati correttamente, ma sull'impatto che hanno. Tutto ciò mi porta a concludere che stiamo già facendo un lavoro abbastanza decente.

Possiamo andare ancora oltre? Possiamo lavorare meglio? Ovviamente! Ed è per questo che attualmente c'è un intero dibattito sull'opportunità di legare i fondi UE ad altri parametri come le riforme strutturali, ad esempio, o su come rafforzare le sinergie tra vari programmi e politiche al fine di "tirare tutti nella stessa direzione". La proposta della Commissione per il futuro periodo finanziario, che sarà presentata il 2 maggio, fornirà indicazioni concrete su tale questione.                              

Le disparità tra le regioni più e meno sviluppate sono aumentate o diminuite?

Visto che il 2018 non è ancora finito, non possiamo ancora dirlo con certezza, dovremo aspettare fino al prossimo anno per avere una visione chiara del 2018. Più importante e che, rimando al rapporto sulla coesione che abbiamo pubblicato l'anno scorso. Il rapporto, pubblicato ogni tre anni, è una vera e propria "snapshot" sullo stato di coesione in Europa. Le conclusioni e le dati del rapporto sono molteplici, ma vorrei evidenziare alcune.

Il rapporto mostra che la recente crisi economica e finanziaria ha accresciuto le disparità che si erano ridotte fino ad allora, con alcune regioni che hanno superato la crisi meglio di altre. Mostra anche che le regioni più povere, soprattutto nell'Europa centrale e orientale, hanno registrato un tasso di crescita più elevato rispetto ad alcune regioni tradizionalmente più ricche, soprattutto nell'Europa occidentale (in Francia, Germania, Svezia, solo per alcune in Italia). Questa è una scoperta cruciale in quanto questo tipo di regioni prese in una "trappola del reddito medio", basa la loro economia sulla produzione industriale e ora stanno combattando la globalizzazione e le nuove tecnologie. Ecco perché, lo scorso dicembre, ho lanciato l'iniziativa "Regioni in transizione industriale" per aiutarli letteralmente a reinventarsi economicamente. Affrontare le disparità esistenti e in crescita sarà una sfida economica e politica chiave per il futuro.

Qual è la più grande sfida dell'UE e come possiamo rafforzare il futuro europeo?

Ne ho appena menzionato uno: globalizzazione, delocalizzazioni, nuove tecnologie sono alcune di quelle sfide. E la politica di coesione svolgerà un ruolo cruciale nel modo in cui le gestiremo al fine di rafforzare l'economia europea a lungo termine. La Brexit è un'altra sfida, specialmente perché il bilancio dell'UE perderà uno dei suoi maggiori contributori. Concordo anch'io con la dichiarazione del presidente Macron durante l'ultima sessione plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo: dobbiamo trovare un modo per affrontare l'ascesa di partiti con tendenze autoritarie; l'Unione europea è stata creata per essere il faro della democrazia e della solidarietà, un grido di battaglia per quei valori, e deve rimanere tale.

Sono convinta che un modo per farlo sia mostrare un volto più premuroso dell'Europa, per mostrare un'Europa che si prende cura di tutti, che non lascia nessuno dietro. E di nuovo, questa è una fase in cui la politica di coesione può avere il ruolo guida, attraverso il suo lavoro con le autorità locali e le parti interessate sul terreno, attraverso i suoi progetti che migliorano concretamente la vita delle persone.

Cosa ne pensa del Portale dei comuni europei e il suo principale obiettivo di rendere e mantenere i cittadini europei meglio informati su ciò che sta accadendo nell'Unione europea?

L'idea di avere un portale che si concentri sui comuni europei e tenga i cittadini europei informati su ciò che sta avvenendo, sul campo, in tutta l'UE è straordinaria. Mi piace anche il layout e la struttura user-friendly di esso in quanto in un clic è possibile trovare progetti ed eventi che si svolgono in qualsiasi stato membro.  

TheMayor.eu ha già iniziato ad organizzare i premi "Sindaco d'Europa". L'obiettivo principale dell'evento è riconoscere il significativo lavoro delle autorità locali e promuovere e sostenere strategie, progetti e idee delle città che possano potenzialmente migliorare la vita dei cittadini. Pensa che i sindaci europei abbiano bisogno di tale riconoscimento?

Da circa 15 anni esiste il premio "Sindaco del mondo", ma avere un premio simile a livello europeo è grandioso. Questo va di pari passo con i nostri tradizionali "Premi RegioStar" che premiano i migliori fondi della politica di coesione in varie categorie: si tratta di mettere sotto i riflettori I risulatti locali. Per premiare i sindaci (e quindi anche il loro équipe) per risultati concreti nella loro città, aiuta a mostrare il dinamismo locale al livello europeo e favorisce lo scambio delle migliori pratiche. Tutti sono vincitori!