Thumb barletta0 Barletta

Default 07 il castello 01
Fonte: Barletta Municipality
Bigger thumb sindaco cannito Sindaco

Mino Cannito

Biografia

Breve storia

All'inizio del XVI secolo, durante la seconda guerra italiana che coinvolge Francia e Spagna, Barletta fu teatro di storiche vicende, quale la celebre Disfida di Barletta. Lo scontro tra cavalieri italiani e francesi, avvenuto a seguito di provocazioni di parte francese, si tenne il 13 febbraio 1503 e si concluse con la vittoria italiana. La città divenne roccaforte degli spagnoli, che ne ampliarono le mura ed il castello. Nel 1528, già lacerata da divisioni interne, Barletta fu devastata dai francesi, che perpetrarono saccheggi e incendi tali da portare alla distruzione chiese ed edifici conventuali. Da quel momento cominciò il declino di Barletta. Nel 1656 la peste colpì la città e il numero dei suoi abitanti passò dai ventimila.

Segnali di rinascita si registrarono soltanto alla fine del XVIII secolo, durante i regni di Bonaparte e di Murat.

Il XX secolo cominciò con lotte contadine e scioperi. Il 24 maggio 1915 Barletta fu colpita da una nave austriaca, che centrò il fronte settentrionale del castello, la ferrovia marittima ed alcune abitazioni nei pressi della Cattedrale. La città non subì ulteriori colpi grazie all'intervento del cacciatorpediniere Turbine.  

Durante la seconda Guerra mondiale, l'8 settembre 1943 e nei giorni successivi la città fu teatro di diversi episodi di Resistenza.  

Gli anni sessanta per Barletta costituirono un periodo florido per la ripresa economica, con l'insediamento di nuove industrie, la costruzione di nuovi plessi scolastici, l'inaugurazione del museo di Canne e il completamento del Palazzo di Città.

Barletta è un commune italiano di 94 344 abitanti (30 June 2019), capoluogo insieme ad Andria e Trani della provincial di Barletta-Andria-Trani in Puglia.  Il territorio di Barletta ha circa 13,5 km di costa e si affaccia sul mare Adriatico. 

L'economia di Barletta è legata soprattutto alla produzione agricola e industriale. Le coltivazioni più diffuse risultano quelle derivanti da vigneti e oliveti. C'è una numerosa presenza di imprese del settore tessile, abbigliamento e calzaturiero, che negli ultimi quarant'anni, hanno determinato la formazione di un distretto produttivo esteso su scala provinciale. 

Il Castello di Barletta

Viaggiareinpuglia
Fonte: Barletta Municipality

Il Castello di Barletta così come lo vediamo oggi è stato realizzato a partire dal 1532, per volere del re spagnolo Carlo V. Nel 1867 il Castello fu acquistato dal Comune di Barletta, divenendo in seguito un deposito d'armi ed un carcere.

Nel 1973 è stato sottoposto ad un lungo restauro, terminato nel 1988. Nel 2001 sono stati effettuati lavori di riqualificazione, durati circa un anno. Oggi il Castello è sede della biblioteca comunale, del museo civico e pinacoteca e del lapidarium.