Thumb coatofarms Torino

Default turin 3728619 1920
Bigger thumb chiara appendino Sindaco

Chiara Appendino

Biografia

Breve storia

La storia di Torino ha radici molto antiche e si estende su diversi millenni. I primi insediamenti iniziarono nel III secolo A.C. da parte di tribù “taurine” discendenti da popolazioni celto-liguri e popolazioni galliche che si erano spostate alla ricerca di pianure fertili da poter coltivare, che trovarono appunto sulle rive del fiume Po

I resti della dominazione romana sono ancora visibili in città nella parte definita appunto Quadrilatero Romano e sono: la Porta Palatina con i resti delle mura della porta stessa, la Porta Decumana, il Teatro Romano e un muro visibile nei piani interrati del Museo Egizio.  

In seguito alla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, la città di Augusta Taurinorum passò sotto il dominio degli Ostrogoti. Dell’epoca della dominazione gotica rimangono visibili in città la Chiesa di San Domenico e la Casaforte degli Acaia. Dopo l’occupazione dei goti la città passò nelle mani dei Longobardi e poi dei Franchi di Carlo Magno che la fecero diventare loro contea.

Nel 1620 Carlo Emanuele I diede inizio al primo grande ampliamento della città di Torino. Fu proprio questo il periodo più ricco della storia di Torino sia dal punto di vista dell’edilizia cittadina sia dal punto di vista artistico e culturale. Furono chiamati alla corte di casa Savoia grandi architetti come Amedeo di Castellamonte, Guarino Guarini e Filippo Juvarra.

Il capoluogo piemontese segue infatti una struttura architettonica impostata su grandi strade, viali, portici che si aprono su piazze spaziose e armoniose che portano il segno di una città, l’unica in Italia, dal taglio prettamente aristocratico.

La città, vero e proprio fulcro del Risorgimento italiano e laboratorio dell’unificazione della penisola, fu capitale del Regno di Italia tra il 1861 e il 1864.

Inizia in questo periodo il grande sviluppo industriale che ha portato Torino ad essere la prima grande città industrializzata d’Italia portando alla nascita di grandi poli industriali che portarono ad una forte immigrazione da altre parti della penisola. Anche per questo motivo Torino ha sempre avuto un carattere aperto a influssi provenienti da diverse tradizioni italiane che hanno alimentato il suo vissuto artistico e culturale. Tra le grandi industrie nate a Torino troviamo sicuramente la FIAT, Fabbrica Italiana Automobili Torino, fondata proprio qui nel 1899.

Durante la prima metà del ‘900 la città di Torino come il resto d’Italia e d’Europa fu segnata dalle due grandi guerre mondiali, ripetutamente bombardata durante la seconda guerra mondiale dagli Alleati. Dopo l’8 settembre la città fu occupata dai nazisti e dai fedeli della repubblica di Salò che continuarono le persecuzioni e gli eccidi fino alla liberazione del 25 Aprile del 1945.

La seconda metà del 1900 segna un periodo di forte crescita economica della città che investe numerosi settori ed in particolare quello automobilistico portando ancora una volta un forte flusso di manodopera, proveniente dal Sud Italia in particolare, nel capoluogo piemontese.

Tutta la ricca storia di Torino, le diverse civiltà, influenze, stili, lotte e tumulti si possono ritrovare oggi nelle vie di questa splendida città in cui le ricchezze aristocratiche del passato si fondono con la modernità del presente.

Fonte: guidatorino.com

Torino è un commune italiano di 878 074 (31 luglio 2018) abitanti, capoluogo dell'omonima città metropolitana e della regione Piemonte. Cuore di un'area metropolitana che conta quasi 2 000 000 di abitanti su una superficie approssimativa di circa 2 300 km², la città di Torino è il quarto commune italiano per popolazione, il terzo complesso economic-produttivo del Paese e costituisce uno dei maggiori poli universitari, artistici, turistici, scentifici e culturali d'Italia.   

Torino è il terzo polo economico italiano per Prodotto Interno Lordo.  

Considerata una delle capitali europee dell'automobile, a Torino e cintura sono presenti alcune delle più importanti aziende del settore: FCA Italy, Comau, Teksid, Magneti Marelli, Italdesign Giugiaro, GM Powertrain Torino, Pininfarina, Iveco.   

Il forte radicamento del settore automobilistico nel territorio è favorito anche da un sistema universitario con percorsi di studio esclusivi a livello nazionale, il Politecnico di Torino è l'unico in Italia ad avere un corso di laurea in Ingegneria dell'autoveicolo e la presenza di importanti università di design come l'IED e l'IAAD.

Altre aziende di notevole importanza in territorio torinese sono: Lavazza, Martini & Rossi, Alpitour, Reply, Basic Net, Carlo Pignatelli e il Gruppo Armando Testa.

Nella città metropolitana torinese hanno sede legale anche diverse filiali italiane di società estere come Suzuki, Bavaria, Diageo, Michelin, Kimberly-Clark, Petronas e Vodafone Italia.

Fonte: trenodellavoro.it

Centro Città

Biggest thumb citycentre
Fonte: Turin Municipality

Il Centro  è il quartiere centrale e più antico della città di Torino , nel quale sono localizzati il maggior numero di monumenti e di luoghi storici; dal 1985 costituisce, insieme al quartiere Crocetta la Circoscrizione 1 della città.  

Via Roma è una delle vie principali del centro storico di Torino. Unisce la centralissima piazza Castello all'importante e trafficato corso Vittorio Emanuele II e comprende lungo il suo percorso piazza C.L.N. e la celebre piazza San Carlo, terminando in piazza Carlo Felice. 

Fonte: Wikipedia

Piazza Castello

Biggest thumb piazzacastello

La grande piazza quadrangolare è da sempre il fulcro storico e politico della città, per le vicende di cui fu teatro e per gli ampliamenti urbanistici che da qui partirono, con l’apertura delle odierne via Roma, via Po e via Pietro Micca.

Al centro sorge palazzo Madama, l’antico castello da cui la piazza prende il nome, circondato da tre monumenti: davanti alla facciata quello dedicato all’Alfiere dell’Esercito sardo (opera di Vincenzo Vela, 1857-1859), a sud quello ai Cavalieri d’Italia (Pietro Canonica, 1923) e ad est quello a Emanuele Filiberto duca  d'Aosta.

Fonte: visitatorino.com

Mole Antonelliana

Biggest thumb turin6

Tra i monumenti di Torino più noti anche all'estero sono da citare l'ottocentesca Mole Antonelliana, simbolo incontrastato della città, che ospita il Museo nazionale del cinema (il principale d'Europa); il Palazzo Reale (antica dimora dei duchi ed in seguito dei re di Casa Savoia); la rinascimentale Cattedrale di San Giovanni Battista del XV secolo (celebre in quanto custode della Sacra Sindone); il Museo Egizio; la Galleria Sabauda; Palazzo Carignano (progettato da Guarini e sede della Camera dei deputati del Parliamento italiano) e l'imponente Palazzo Madama.