Disponibile in Condividi l'articolo

Vi presentiamo Seabin: il cestino che aspira plastica dal mare a Riccione

Un investimento a costo zero per il comune e operativo a primavera
  • 15 marzo 2019 17:30,
  • Author Monika Dimitrova
Medium seabin
Fonte: Giornale di Riccione

Con Seabin, il dispositivo che mangia plastica collocato al porto di Riccione ed immerso nell’acqua, sarà possibile recuperare oltre 500 kg di rifiuti plastici galleggianti all’anno, comprese le microplastiche di diametro fino a 2 mm. L’amministrazione della città di Riccione ha approvato lo schema di contratto di collaborazione, mediante comodato gratuito, con “Lifegate Consulting and Media spa” per avviare il progetto denominato “Lifegate Plasticless” e l’obiettivo di contribuire alla pulizia delle acque del porto.

Il Seabin è dotato di una pompa che aspira e butta fuori acqua, creando un effetto di decompressione all’entrata del cestello. Esso può lavorare 24 ore al giorno, 7 giorni su 7 e raccogliere anche microplastiche e microfibre invisibili all’occhio umano, senza intralciare le attività portuali. Il Seabin sarà operative a primavera a Riccione.

Fonte: Giornale di Riccione